Matteo Borgia è un nuovo giocatore del tau calcio

Matteo Borgia è ufficialmente un nuovo giocatore del Tau. Terzino destro classe 1990 e con oltre 100 presenze in Serie D. Conosciamo meglio il nuovo arrivato nella famiglia amaranto. 

Cosa ti ha spinto a dire sì al Tau?

In questi anni ho sempre sentito parlare bene della società e del progetto Tau. Siamo una realtà giovane per la categoria ma gli obiettivi sono ambiziosi e le idee chiare. Quando ho parlato con la società ho percepito subito la loro professionalità, la grande ambizione e la voglia di creare qualcosa di importante. Sono un giocatore che ha bisogno di stimoli importanti per dare il meglio e questo si è sposato molto bene con il progetto Tau, per questo ho deciso subito di dire sì. 

Sei un terzino destro, ma all’occorrenza puoi fare il quinto di centrocampo o il centrale di difesa. In quale ruolo ti trovi meglio?

In questi tre ruoli sono sempre a mio agio. Se devo sceglierne uno però dico terzino, perchè riesco a sfruttare meglio le mie caratteristiche, venendo su da dietro senza essere marcato. Mi piace anche fare il quinto di centrocampo ma lì sono più marcato dal terzino avversario e ho meno libertà. 

Quali sono le tue caratteristiche principali? 

Non è mai facile parlare di sé stessi, direi comunque che le incursioni e le sovrapposizioni sono quello che mi riesce meglio. Di gol ne faccio pochi ma in compenso quando vado sul fondo riesco a crossare bene ed essere utile ai compagni. Sono un giocatore di tanta corsa e generosità. Direi che lo spirito di sacrificio è la caratteristica che mi rappresenta di più. 

Qual è il tuo idolo sportivo?

Non ne ho uno in particolare. E’ sempre bello vedere lo sportivo di talento, in qualunque sport. I geni sono sempre da ammirare ma ci deve essere la consapevolezza che niente avviene per caso. Mi piace lo sportivo che ottiene i risultati con il lavoro duro e con la voglia di arrivare.

Stasera l’Italia sfiderà l’Inghilterra a Wembley. Che sensazioni hai? 

Devo dire che ho sensazioni positive. L’Inghilterra è una squadra tosta e quadrata, ma anche l’Italia ha tante frecce per il suo arco. Sarà una partita equilibrata, ce la giochiamo alla pari e speriamo di poter festeggiare.

Scarica il PDF